Stai leggendo

Nella vecchia fattoria... c'è il lama... mmmhhhh

Nella vecchia fattoria... c'è il lama... mmmhhhh

A Le Barroux, ai piedi del Mont Ventoux, Marie Scherrer alleva una squadra di... lama decespugliatori.

Chi hanno chiamato i responsabili della sicurezza della Shell di Berre, nelle Bouches du Rhône, per rasare i cespugli e fare un po’ di manutenzione della collina accanto allo stabilimento? A chi si è rivolta la Marina francese per ripulire una struttura taglia-fuoco posta sui suoi terreni nell’Isola del Levante, di fronte a Hyères? Chi sono i protagonisti del film di Philippe d'Hennezel che si è aggiudicato il premio della ricerca al Festival Verde di Meaux?

Le Barroux, uno dei lama di Marie Sherrer

I lama. Sì, quei simpatici animali a quattro zampe che ci aspetteremmo di incontrare più facilmente in Sud America che in Provenza. Eppure…

I lama, decespugliatori naturali

I lama che pascolano ai piedi del Mont Ventoux, a dire il vero, non sono provenzali di nascita: sono figli e nipoti di lama di città. Quando, nel 1984, Pierre e Marie Scherrer decidono di aprire un allevamento nella loro proprietà di Le Barroux, per acquistare i primi tre animali si rivolgono alla Menagérie del Museo Nazionale di Storia Naturale, quello che si trova all’ingresso del Jardin des Plantes in pieno centro di Parigi.

Le Barroux, i lama escono al pascolo

In che cosa consiste l’idea? D’estate, in Provenza fa caldo e tira vento, e le norme per prevenire gli incendi – compresi gli obblighi di manutenzione e pulizia di boschi, sottobosco e terreni incolti – sono molto severe. Perché non provare a brucare il superfluo? Gli eleganti camelidi andini, pensano Pierre e Marie, potrebbero essere utilizzati come… decespugliatori.

Lama batte macchina

Le Barroux, la Ferme des lamasLa fattoria sperimentale è nata come una sfida, e i lama si sono dimostrati all’altezza: solo qualche anno dopo un tecnico del CERPAM (Centre d'Etudes et de Réalisations Pastorales Alpes Méditerranée) scrive in un rapporto ufficiale che “La capacità del lama di assicurare un decespugliamento d’ingresso [l’apertura di varchi su terreni coperti da una fitta vegetazione] in un ambito fortemente dominato da specie [animali] che hanno 'poco appetito' è evidente... Il pascolo di questi animali, prolungato per un lungo periodo, ha indubbiamente indebolito gli arbusti più di quanto lo avrebbe fatto un’apertura meccanica” e “gli arbusti presentano un rischio di incendio molto più debole”.

Le Barroux, quattro chiacchiere tra i lama

Perché i lama sono meglio deli utensili

I punti a favore dei pelosi sono almeno cinque. I lama:

  • ‘ripuliscono’ fino a due metri d’altezza, che corrispondono alla misura regolamentare;
  • non staccano la corteccia degli alberi;
  • non rovinano il terreno perché non hanno zoccoli: sotto le zampe hanno ‘cuscinetti’ morbidi e unghie cortissime;
  • si arrampicano ovunque senza difficoltà e non si lasciano intimidire nemmeno dai passaggi più impervi;
  • non strappano l’erba che, quindi, rispunta con facilità.

Le Barroux, un lama al rientro dal pascolo

E poi, al contrario di un motore, sono silenziosi. Diversamente da quanto si potrebbe pensare, infatti, i lama non belano. Solo quando qualcosa – un rumore o un movimento – li insospettisce, emettono un "mmmmhhhhhhhh" che si sente soltanto da molto vicino.

Il savoir-faire di Marie Scherrer

Da 24 anni fa a oggi, la famiglia a quattro zampe si è allargata: i lama sono una ventina e hanno a disposizione circa mezzo ettaro di terreno ciascuno. E adesso che, purtroppo, Pierre non c’è più, è Marie ad accogliere i visitatori alla Ferme des Lamas e a occuparsi di tutto.

Le Barroux, ingresso della casa di Marie Sherrer

Tutto tutto, compresa la tosatura dei lama – che avviene in primavera –, la filatura della loro pregiatissima lana con il fuso e l’arcolaio, e la tessitura a mano di pochi, morbidissimi pezzi.

Le Barroux, telaio della Ferme des lamas

Mani abili, savoir-faire e ottimo gusto per disegni e motivi sono gli strumenti con i quali Marie, servendosi unicamente di vecchi telai manuali (donati da aziende tessili che decidono di modernizzarsi: alcuni hanno addirittura cent’anni), realizza sciarpe, stole, tappeti, cuscini…

Le Barroux, la lana dei lama tinta con colori vegetali

Articoli unici, neutri o colorati con tinture vegetali, fatti con pazienza e con amore nelle stagioni in cui i lama del Ventoux – Absynthe, Gaillarde, Silène, Cybèle e i loro compagni – hanno un po’ meno bisogno delle sue cure.

Maurizio Tucci

Informazioni

Per chi vuole conoscere i lama più da vicino, la fattoria Les Lamas du Barroux e l’atélier tessile si possono visitare  su appuntamento, in piccoli gruppi, da maggio a ottobre.

Marie Scherrer
N° 685 ch de Choudeirolles
84330 Le Barroux
Tel : +33 (0)4 90 65 25 46

Partecipa alla discussione