Stai leggendo

Il ‘mercato nero’ di Richerenches

Il ‘mercato nero’ di Richerenches

Dal 18 novembre, ogni sabato mattina l’intero villaggio è avvolto dall’aroma di tartufo.

Il momento è speciale: sotto i platani di avenue de la Rabasse e cours du Mistral, uno solo è l’oggetto delle conversazioni, come uno solo e inconfondibile è il profumo che si spande per le strade di Richerenches.

Mercato del tartufo: la nuova stagione

Mediatori, tartuficultori, affinatori, ristoratori, commercianti, buongustai, curiosi… La data da annotare in agenda è il 18 novembre (dal 2008, ogni anno, il primo sabato dopo il 15 di questo mese). È la data della levée du ban des truffes, l’apertura ufficiale del mercato dei tartufi.

A fare gli onori di casa durante l’inaugurazione del marché aux truffes – che torna puntuale ogni sabato mattina fino a metà marzo – è niente meno che la Confrérie des Chevaliers Dignitaires et Vénérables du Diamant Noir et de la Gastronomie: la Confraternita del Tartufo nero.

700 kg di tartufo alla settimana

I tartufi sono venduti all’ingrosso (lungo il cours du Mistral) e al dettaglio (in avenue de la Rabasse, termine provenzale che designa il tartufo), mentre in parallelo si svolge un mercato di prodotti del territorio, o marché de bouche: vini, miele, olive, formaggi, frutta, verdura, salumi… Ma il tuber melanosphorum resta il protagonista incontrastato della giornata, tra mostre, conferenze e appuntamenti gastronomici.

Ogni sabato ne vengono venduti più di 700 chili, il che fa del mercato di Richerenches il più importante d’Europa. Non c’è da stupirsi se alla fine della mattinata, dopo che i venditori hanno riposto la loro preziosa mercanzia, il profumo resta nell’aria.

Oriana Davini

Mercato settimanale del tartufo
Richerenches
Dal primo sabato di novembre fino a metà marzo
Ore 9.00-13.00

Partecipa alla discussione