Stai leggendo

Ecologia e buon vino nelle palafitte del terzo millennio

Ecologia e buon vino nelle palafitte del terzo millennio

Sognate di dormire in una palafitta galleggiante, cullati dalle acque tranquille di un lago, e di vivere una vacanza "les pieds dans l’eau"? A Châteauneuf-du-Pape siete nel posto giusto! E c'è anche da brindare…

Novità dell'’estate 2017, sono aperte le prenotazioni: a 20 minuti da Avignone, nel Vaucluse, nel cuore dei vigneti di Châteauneuf-du-Pape, ecco fare bella mostra di sé il nuovo domaine des Cabanes des Grands Cépages (tel. +33 (0) 3 44 58 39 08).

 La palafitta su pilastri, come nei libri di storia © Cabanes Nature & SPA

Qual è la sua particolarità? Ve ne accorgerete subito e, se avrete la fortuna di incontrarli,  ve lo racconteranno sul posto due imprenditori con la passione per la natura – Gaspard de Moustier ed Emmanuel de La Bédoyère – che hanno dato vita ai loro sogni creando eco-aree di “capanne”, uniche per la loro architettura originale!

Gaspard ed Emanuel, gli 'inventori' delle palafitte © Cabanes Nature & SPA

In posizione tranquilla, sul Lac de la Lionne, questi particolari alloggi (per ora 10) che si integrano perfettamente con l’ambiente, ospitano da due a cinque persone: un nido romantico per una coppia, quindi, ma anche un’esperienza avventurosa per tutta la famiglia.

Un punto di partenza di…vino!

Al domaine si possono gustare i prodotti locali, vivere momenti di benessere (con yoga, massaggi), ma anche partire per escursioni a piedi o in bicicletta alla ricerca di… degustazioni gratuite: sono ben una ventina le enoteche che vi proporranno assaggi di vini locali.

Sì, perché questa cittadina, residenza estiva dei papi durante il periodo avignonese, è rinomata soprattutto per la produzione di una serie di vini, tra cui il pregiatissimo Châteauneuf-du-Pape, per l’appunto, e i prodotti che vanno sotto il nome di Côtes-du-Rhône.

Inoltre, all’inizio del paese, c’è il Museo del vino (Musée du vin Brotte) dove potrete scoprire la storia della produzione vinicola della zona, le caratteristiche del terreno, gli strumenti antichi di viticultura e i moderni macchinari oggi utilizzati.

In mezzo ai vigneti, preparate la macchina fotografica: vedrete campeggiare un castello da favola e vi chiederete: è il castello dei papi? No, quello è ormai diroccato. Ma, se è ora di pranzo o di cena, vi suggeriamo una sosta: questa residenza nobiliare è un ristorante, La Table des Fines Roches (all'interno dell'omonimo chateau-hotel), che gode di una splendida location!

Domaine des cabanes de Grands Cépages
+33(0)3 44 58 39 08

Partecipa alla discussione