Stai leggendo

Quattro passi sotto il mare

Quattro passi sotto il mare

I sette sentieri sottomarini del Parco Nazionale di Port-Cros.

Port-Cros è una delle cosiddette Isole d’Oro: un paradiso naturalistico trasformato, nel 1963, in parco nazionale. Oggi comprende cinque comuni – Port-Cros, Hyères, Le Pradet, La Garde e La Croix Valmer – e occupa 1.700 ettari di terre emerse e 2.900 ettari di superfici marittime.

Uno dei suoi compiti principali è salvaguardare la flora (oltre 600 specie terrestri e 500 specie di alghe) e la fauna (144 specie di uccelli e 180 specie di pesci, senza contare spugne, molluschi, crostacei, echinodermi e altre forme di vita sottomarina), ma anche sensibilizzare le persone alla conoscenza e alla tutela di questo patrimonio biologico.

Parco Nazionale di Port-Cros, sentieri marini lungo la costa di Porquerolles

I sentieri sottomarini del Parco di Port-Cros

Tra le tante attività proposte agli amanti della natura, il Parco Nazionale di Port-Cros ha individuato e ‘attrezzato’ sette sentieri sottomarini, in molti casi segnalati con boe in superficie e illustrati con pannelli descrittivi subacquei. Insomma, non ci si perde ed è un’esperienza alla portata di chiunque. Unica condizione, saper nuotare.

Un mondo sommerso tutto da scoprire

Sul fondo o nell’acqua, da soli o in banchi, a volte mimetizzati tra le rocce, nascosti nella sabbia o nei ‘prati’ sottomarini di posidonia: ogni specie di pesci ha le sue abitudini.

Parco Nazionale di Port-Cros, il mare sul fondale di posidonia

Se nuotate sopra i fondi sabbiosi potrete incontrare le triglie, inconfondibili grazie al loro rosso brillante. Se il fondo è roccioso, è facile avvistare saraghi, scorfani, girelle e perfino merluzzi. Per l’orata reale, invece, bisogna spingersi verso il mare aperto, mentre ippocampi e salpe si trovano a loro agio tra alghe e piante marine.

I più esperti, immergendosi nei posti giusti, possono imbattersi nelle testimonianze archeologiche di questa zona marittima che due millenni fa e oltre vide sbarcare greci e romani, o addirittura nei relitti delle imbarcazioni affondate lungo le vie di antichi commerci o colate a picco in qualche battaglia marittima.

I sette sentieri sotto il mare

Ecco, sentiero per sentiero, a chi rivolgersi per le passeggiate sott’acqua.

  • Spiaggia della Palud – Parc National de Port-Cros: Maison de Parc National de Port-Cros, +33 (0)4 94014070, accueil@protcros-parcnational.fr;
  • Tour Fondue – Pointe de Bouvet – Hyères: Association Arevpam, +33 (0)6 61341031, arevpam@gmail.com;
  • Sito archelogico di Olbia – Hyères: Association Arevpam, +33 (0)6 61341031, arevpam@gmail.com:
  • Baia della Garonne – Le Pradet: Association Aquabulles, +33 (0)6 13492418, aquabulles83@aol.com;
  • Ansa Magaud – La Garde: Maison du Tourisme de La Garde, +33 (0)4 94089978, www.ville-lagarde.fr e Naturoscope, +33 (0)7 69783349, contact@naturoscope.fr;
  • Domaine du Rayol – Il giardino dei Mediterranei: Domaine du Rayol, +33 (0)4 98044403. info@domainedurayol.org, prenotazioni on line sul sito www.domainedurayol.org;
  • Isolotto del Coccodrillo (Jovat) – La Croix Valmer: Office du tourisme La Croix Valmer, +33 (0)4 94551212, lacroixvalmertourisme@lacroixvalmer.fr.

Che cosa occorre per percorrere i sentieri sottomarini

Per la maggior parte dei sentieri bastano pinne, maschera e boccaglio (PMT). In alcuni casi l’attrezzatura è fornita; solo al Domaine du Rayol occorre munirsi anche di muta. A seconda dei percorsi, la visita è libera o accompagnata da una guida.

Diventare ‘volontari’ del parco di Port-Cros: basta una passeggiata

Parco Nazionale di Port-Cros, la bandiera con il simbolo del parco

Se volete, potete dare una mano a fare l’inventario subacqueo della biodiversità del parco. In questo caso, portate con voi una macchina fotografica o uno smartphone ‘impermeabile’. Niente di complicato: alla sede del parco vi spiegheranno come fare, con qualche piccolo accorgimento, a partecipare a questa missione collettiva mentre fate la vostra passeggiata marina. Per saperne di più, trovate tutto il programma sul sito www.biolit.fr.

Informazioni

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al Parc National de Port-Cros: Maison de Parc National de Port-Cros, +33 (0)4 94014070, accueil@protcros-parcnational.fr

Elisabetta Peracino

Partecipa alla discussione