Stai leggendo

Bere per dimenticare Brangelina

Bere per dimenticare Brangelina

Dalle cronache rosa al rosé di Chateau Miraval: cosa resta, in Provenza, del divorzio tra Brad Pitt e Angelina Jolie.

Brad Pitt e Angelina Jolie, Angelina Jolie e Brad Pitt: le icone di un amore così unico che le due star erano considerate ‘una cosa sola’. Ma la magia si è rotta da un pezzo, Brangelina non c’è più, il divorzio è ufficiale.

A dirlo sono gli avvocati dell’ex coppia più invidiata del mondo: dopo due anni e mille complicazioni dalla separazione, Pitt e Jolie hanno trovato un accordo sui figli: l’affido di Maddox, Pax, Zahara, Shiloh, Vivienne e Knox sarà congiunto e papà Brad potrà vederli ogni giorno.

Sulla parte economica, invece, Jolie e Pitt non hanno mai fatto questioni. Ciascuno baderà a se stesso e Chateau Miraval, la tenuta provenzale che la coppia ha stabilito di destinare alla prole, resterà proprietà indivisa.

Miraval, la tenuta di Brad Pitt e Angelina Jolie

La Provenza di Brad Pitt e Angiolina Jolie

Ciascuno di noi ha un luogo del cuore. Il ‘rifugio’ scelto da Angelina e Brad è nel territorio di Correns, il paesino nel quale si trova, appunto, la loro proprietà provenzale: un castello da sogno immerso in 500 ettari di vigneto e uliveto. La coppia, dopo aver acquistato Chateau Miraval per 60 milioni di dollari, aveva celebrato qui le proprie nozze, tra pochi intimi e al riparo da occhi indiscreti.

Il fiuto di Hollywood per i buoni affari

Da anni i protagonisti dello star system made in USA non si accontentano più di apparire sul grande schermo e sfilare sulle passerelle dei festival europei, Cannes in testa. Il nuovo motto è “lasciare un segno” e, possibilmente, fare buoni affari.

Anche il rosé Chateau Miraval è nato così. Nel 2012 Angelina e Brad hanno ceduto al fascino irresistibile dei vigneti provenzali (del resto, chi non ricorda “Un’ottima annata”, il film di Ridley Scott girato tra le vigne della Provenza e concluso con il lieto fine che non è toccato ai coniugi Pitt?). E hanno cominciato a produrre vino nella loro tenuta, con l’aiuto dei Perrin: una delle famiglie di vinificatori più esperte e riconosciute della regione.

Sotto il segno di Chateau Miraval

Il vino prodotto al domaine Chateau Miraval è prestigioso e le annate 2012 e 2013 sono assurte agli onori delle cronache: il 2013, in particolare, è stato eletto miglior rosé del mondo da Wine Spectator.

Rosé Cotes de Provence Miraval

Il ‘segno’, invece, è sul fondo di ogni bottiglia, originale nella forma simile a quella di un cognac: dal millesimé 2014 in poi, per evitare il rischio di contraffazioni, Brad Pitt e Angelina Jolie fanno incidere sul vetro il marchio Miraval.

Quanto all’annata 2017, con i suoi squisiti aromi di fiori bianchi, promette bene: già battezzata “cuvée del divorzio”, rischia a sua volta di diventare una star.

Una tenuta con qualcosa di speciale

Chateau Miraval, già nido di Brad Pitt e Angelina Jolie, non è una tenuta come tante altre, anche di pari dimensioni e valore, che si trovano in Provenza. Prima di appartenere alla celebre coppia, le stanze del castello avevano accolto nella stessa atmosfera e con la stessa discrezione altre star, questa volta del mondo della musica: i Pink Floyd, Sting, Sade e i Cranberries avevano utilizzato la casa-fortezza come studio di registrazione per incidere alcuni dei loro brani più famosi.

Dove degustare lo Chateau Miraval

Il rosé e gli altri vini Pitt-Perrin (così come l'ottimo olio extravergine di oliva) si possono acquistare facilmente online, ma a casa propria non avranno certo lo stesso sapore che bevuti freschi tra le colline della Provenza.

Certo, sorseggiarlo sul posto è impossibile: Chateau Miraval resta una dimora privata, destinata a proteggere la privacy dei rampolli di casa Pitt. Ma una soluzione interessante c’è: concedersi una degustazione ad Aix-en-Provence, la piccola Parigi della Provenza, nella cave posta in cima al Cours Mirabeau (1 place Forbin).

Santé.

Simona Mazzolini

Guarda sulla cartina della Provenza qui sotto dove si trova Chateau Miraval.

Partecipa alla discussione