Stai leggendo

Provenza e Costa Azzurra verso la riapertura

Provenza e Costa Azzurra verso la riapertura

Riaperture e misure anti-COVID nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: verso il Green Pass europeo. N.B. Contenuto in costante aggiornamento.

Verso il Green Pass europeo

Il Green Pass, o certificato Covid digitale europeo (EU Digital certificate Covid-19), dovrebbe permettere a chi lo detiene di viaggiare senza restrizioni nell'area europea, e quindi anche in Francia, nonostante il Covid-19.

Il 20 maggio gli stati membri del'Unione europea hanno raggiunto un accordo sul Green Pass, con l'obiettivo di eliminare le barriere alla circolazione dei cittadini all'interno del territorio dell'Unione nonostante il Covid sia ancora presente. Il certificato Covid digitale europeo dovrebbe essere votato in plenaria tra tra il 7 e il 10 giugno.

Una volta approvato dal Consiglio e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Ue, il certificato Covid digitale europeo dovrebbe entrare in vigore il 1° luglio e, da quella data, contribuire a far ripartire in modo sostanziale il turismo a livello continentale.

Alla base del Green Pass europeo c'è un principio semplice: al titolare è assicurato un trattamento non discriminatorio, da parte del Paese Ue in cui si reca, rispetto a quello che lo stesso Paese riserva ai suoi cittadini. Ad esempio, un italiano che si reca in Francia dovrà essere trattato allo stesso modo dei francesi, e viceversa. Inoltre una piattaforma digitale messa a disposizione dalla Commissione Ue permetterà di verificare l'autenticità del Green Pass in qualsiasi Stato Ue, indipendentemente dal Paese dell'Unione nel quale sarà stato emesso. Quindi in Francia sarà possibile verificare l'autenticità di un certificato Covid digitale europeo emesso in Italia, e viceversa.

Per il titolare, il certificato Covid digitale europeo attesterà, in alternativa:

  • l'essere stato vaccinato contro il Covid-19 con un vaccino approvato dall'Ema;
  • l'essere guarito dal Covid-19;
  • l'essere negativo ad un test, Pcr o rapido antigenico (ma spetterà agli Stati membri decidere se accettare i test rapidi agli effetti del certificato).N.B. I test saranno il solo modo per ottenere il certificato per i bambini, per i quali non è ancora prevista la vaccinazione.

Vacini e riaperture in Francia, Covid permettendo

Finalmente anche la Francia ha avviato il suo programma di progressivo deconfinamento e di allentamento delle misure anti-Covid sul territorio nazionale, Provenza e Costa Azzurra comprese. Naturalmente. anche in Francia le riaperture sono subordinate all’andamento della situazione sanitaria.

In ogni caso, a tutt'oggi chi vuole attraversare il confine con la Francia deve aver effettuato un tampone molecolare con risultato negativo nelle 72 ore che precedono il passaggio in entrambe le direzioni, ad eccezione dei frontalieri (vedi sotto).

Nel frattempo, ad oggi (1 giugno 2021) hanno ricevuto la prima dose di vaccino 25 milioni di francesi e 12 milioni sono completamente vaccinati, con una percentuale rispetto agli abitanti molto vicina a quella italiana. Inoltre, la campagna vaccinale sta accelerando in vista delle elezioni regionali francesi del 20 e 27 giugno.

Le riaperture in Francia, percorso a tappe

Il programma di deconfinamento è articolato in quattro tappe e le misure nazionali potranno subire modifiche a livello locale, se il virus dovesse tornare a circolare in modo particolarmente attivo.

In Francia è caduto il limite dei 10 km

Dal 3 maggio 2021 non sono più in vigore limitazioni agli spostamenti sul territorio nazionale: per circolare in Francia al di fuori delle ore di coprifuoco non occorre più portare con sé un'autodichiarazione.

In altre parole, è venuto meno il cosiddetto limite dei 10 chilometri, per cui la circolazione era liberamente consentita solo entro un raggio di 10 km dal proprio comune. Peraltro, nel periodo in cui era in vigore questa misura numerosi uffici del turismo hanno censito e proposto escursioni, visite e attività entro un raggio di 10 chilometri dai rispettivi comuni: una risorsa utile per chi ha in mente una vacanza stanziale con qualche fuori programma a corto raggio.

Finalmente aperti i dehors anche in Francia

La seconda data clou è stata il 19 maggio e ha visto allentamenti lungo due direttrici:

  • l'inzio del coprifuoco è stato spostato dalle 19:00 alle 21:00;
  • hanno riaperto gli esercizi commerciali “non essenziali”, i luoghi culturali (cinema, teatri, musei) e le terrasses dei ristoranti.

Riapertura delle attività al chiuso dal 9 giugno

Il programma di deconfinamento procede lungo due linee parallele anche nella terza tappa.

Dal 9 giugno 2021 l'inzio del coprifuoco sarà posticipato dalle 21:00 alle 23:00.

Sul fronte della ripresa delle attività, dalla stessa data riapriranno le sale interne di bar e ristoranti, e anche le palestre.

Dal 30 giugno la Francia cancella il coprifuoco

In termini di ritorno a una situazione “normale” dopo che la terza ondata di Covid-19 ha colpito la Francia, pur con lo spostamento alle 23:00, il coprifuoco serale resta un provvedimento particolarmente indigesto ai cuigini d'Oltralpe, proprio come da noi.

In Francia il coprifuoco non sarà più in vigore dal 30 giugno 2021.

Restrizioni e condizioni per oltrepassare il confine Italia-Francia

Se le misure di allentamento di obblighi e divieti determinati dalla pandemia, insieme ai passi avanti compiuti verso il green pass europeo (vedi sopra) lasciano ipotizzare che in tempi ragionevolmente brevi troverà soluzione anche la questione degli ingressi dei cittadini italiani in Francia e francesi in Italia, al momento la situazione è come segue.

Andare in Francia

La Francia sconsiglia fortemente gli ingressi dai Paesi Ue. Le autorità francesi richiedono di esibire un test molecolare (del tipo realtime: RT-PCR) effettuato nelle 72 ore che precedono la partenza per la Francia. Il test antigenico non è accettato.

Il sito dell'Ambasciata italiana in Francia - che aggiorna in tempo reale sulle novità in materia di disposizioni relative al coronavirus - ricorda che "l'obbligo riguarda i viaggiatori, maggiori di 11 anni, che entrano da Paesi Ue, inclusa l'Italia, con qualsiasi mezzo (aereo, treno, auto, nave, bus, ecc). Sono esentanti dal presentare il tampone: i lavoratori frontalieri, i trasportatori e i residenti nei territori confinanti entro 30 km dal proprio domicilio (per questi ultimi sempre che lo spostamento sia di durata inferione alle 24 ore). Il test è obbligatorio anche per coloro che hanno già avuto il vaccino. Tutti coloro che entrano in Francia con qualsiasi mezzo devono compilare l'autocertificazione".

Rientrare in Italia: tampone gratuito in Francia

Dal 16 maggio i cittadini italiani e i turisti stranieri possono tornare a viaggiare all’interno dell’Unione europea senza più dover più fare la quarantena di cinque giorni al rientro o all’ingresso in Italia.

Rimane l’obbligo di effettuare un tampone e avere esito negativo, da fare 48 ore prima dell’ingresso in Italia nel Paese in cui ci si trova o ci si è recati: sono validi sia il tampone molecolare Pcr, sia l’antigenico rapido.

Covid e riaperture in Provenza, Costa Azzurra e Principato di Monaco

Per informarsi e restare aggiornati sulle misure e disposizioni anti-Covid in Provenza e Costa Azzurra, e sui relativi piani di riapertura, invitiamo a consultare periodicamente alcune fonti regionali e nazionali, e ribadiamo che, oltre alle regole valide a livello nazionale, le singole zone possono essere oggetto di disposizioni contro il coronavirus a livello locale. Inoltre, ricordiamo che anche in Provenza e Costa Azzurra la regolamentazione può essere oggetto di variazioni: suggeriamo quindi di verificare i provvedimenti in vigore immediatamente prima di un'eventuale partenza, e di contattare anche i siti dei Comuni e delle Prefetture delle località di interesse. Quanto al Principato di Monaco, è il sito del Governo monegasco a fornire tutte le informazioni utili sul coronavirus nel territorio di competenza.

Coronavirus: il sito del Governo francese

Il sito del Governo francese aggiorna sistematicamente le informazioni relative al Coronavirus COVID-19 e le misure che regolano la vita dei cittadini francesi (e quindi della Provenza e Costa Azzurra e dell’intera Région Paca, in base ai provvedimenti e alle disposizioni varate). Inoltre:

  • mette a disposizione un’approfondita sezione di FAQ per rispondere alle domande dei cittadini;
  • offre la possibilità di ricevere notifiche push relative alle informazioni ufficiali sul COVID-19.

Aggiornamenti Info Coronavirus COVID-19: il sito per la promozione del turismo

Il portale per la promozione del turismo in Francia propone un aggiornamento costante delle informazioni relative alle misure in vigore sul territorio francese concernenti:

  • gli spostamenti;
  • aperture e chiusure;
  • obblighi e divieti;
  • i viaggiatori provenienti dai Paesi europei ed extrraeuropei;
  • i gesti barriera.

Provenza-Alpi-Costa Azzurra: l'Agenzia Regionale della Sanità

Il sito dell’Agenzia Regionale della Sanità Provenza-Alpi-Costa Azzurra:

  • segnala nelle "Actualités" le novità inerenti l'intera regione (ad esempio, misure e comuni interessati);
  • pubblica settimanalmente il punto della situazione coronavirus, aggiornando sul numero delle persone risultate positive ai test Covid, di quelle in rianimazione e di quelle decedute nella regione e in ciascuno dei suoi dipartimenti: Alte Alpi, Alpi di Alta Provenza, Alpi Marittime, Bocche del Rodano, Var e Vaucluse. La Costa Azzurra è compresa nei dipartimenti Alpi Marittime e Var; i dipartimenti confinanti con l’Italia sono Alte Alpi, Alpi di Alta Provenza e Alpi Marittime;
  • ribadisce l’invito alla responsabilità individuale e richiama le raccomandazioni da seguire da parte della popolazione, a partire dal rispetto dei cosiddetti “gesti barriera” contro la diffusione del Covid, ancora più importanti a fronte dell'allentamento delle misure per il contenimento della pandemia;
  • fornisce le indicazioni da seguire al presentarsi o all’aggravarsi dei sintomi del coronavirus;
  • mette a disposizione un numero verde per quesiti e informazioni sul Covid-19: 0800 730 087.

Covid e lavoro: Direccte Provenza-Alpi-Costa Azzurra

Il sito della Direzione regionale delle imprese, della concorrenza, del consumo, del lavoro e dell’impiego (Direccte) della Provenza-Alpi-Costa Azzurra ha una sezione dedicata alle informazioni che riguardano il coronavirus. Nello specifico, fornisce informazioni relative all’ambito economico e sociale, quali le misure economiche, sociali e solidali a favore delle imprese, dei lavoratori (inclusi i lavoratori transfrontalieri) e dei cittadini, o le problematiche di prevenzione, salute e sicurezza sul lavoro e di sicurezza della comunità sociale.

COVID-19: i siti delle Prefetture della Provenza e della Costa Azzurra

I siti delle Prefetture forniscono un aggiornamento puntuale dei provvedimenti anti-covid locali e indicano i comuni e le aree di volta in volta interessati:

Il coronavirus nel Principato di Monaco

Sul sito del Governo del Principato di Monaco sono disponibili le informazioni riguardanti l’andamento della situazione Covid-19, le misure in vigore e i comportamenti da adottare da parte di chi si trova o si reca a Montecarlo e nell’intero territorio monegasco.