Stai leggendo

In Provenza con gli amici dei figli adolescenti: documenti e formalità

In Provenza con gli amici dei figli adolescenti: documenti e formalità

Per gli adolescenti in vacanza con i genitori il “rischio noia” è sempre in agguato. Invitare i loro coetanei può essere una mossa indovinata. Che documenti servono? Come regolarsi? A cura dell’associazione Laboratorio Adolescenza.

Agli adolescenti piace stare con gli amici. Per questo accade sempre più spesso che i figli teenager invitino in vacanza i propri coetanei, anche all’estero, con il beneplacito delle rispettive famiglie.

Documenti e formalità

Dal punto di vista formale, se gli amici dei figli che verranno con noi in vacanza in Provenza hanno già compiuto 14 anni, il documento indispensabile è la carta di identità valida per l’espatrio: è la regola che vale per la Francia e per qualsiasi altro paese dell’Unione Europea.

Per i minori tra i 3 e i 18 anni – quindi anche per la fascia di età che ci interessa – questo documento vale 5 anni  e deve contenere l’assenso all’espatrio dato da entrambi i genitori al momento del rilascio.

Chi ha già compiuto 14 anni può circolare liberamente all’interno dell’Unione Europea, per cui non occorrono altre formalità o autorizzazioni particolari.

È invece opportuno che i minori (ma vale anche per gli adulti) portino con sé anche la Tessera Sanitaria Europea che permette di avere accesso, in caso di bisogno, a tutte le cure necessarie.

Per quanto riguarda eventuali costi o spese in ambito sanitario, inoltre, è consigliabile munirsi di una copertura assicurativa specifica per la durata del viaggio. Un’informazione che suggeriamo di condividere, quindi, con la famiglia del vostro giovane ospite.


Roberta Quagliuolo – Avvocato civilista, componente del Consiglio Direttivo di Laboratorio Adolescenza

Laboratorio Adolescenza

Partecipa alla discussione