Stai leggendo

Da Marsiglia, il 're dei saponi'

Da Marsiglia, il 're dei saponi'

Tutti i segreti del sapone di Marsiglia: un prodotto extra puro che si presta a mille usi. E ha una leggenda da raccontare.

Un secolo e mezzo fa, Marsiglia era la capitale mondiale del sapone, con oltre 130 saponifici e circa il 60% della popolazione impiegato in quell'industria. Nel 1906, la città contava ben 140.000 tonnellate di sapone prodotte ogni anno! Ma quali sono i segreti di questo prodotto, diventato così popolare?

Un sapone da intenditori

Il sapone di Marsiglia è completamente naturale e notevolmente puro. Per norme e regolamenti (già vigenti dal 1688!) deve contenere il 72% di olio (di oliva, copra o palma), oltre a soda e cloruro di sodio. Questa semplice formulazione lo rende ipoallergenico (adatto quindi anche a neonati e persone allergiche), biodegradabile al 100% e, soprattutto, non comporta il ricorso ad alcun additivo chimico. Il colore del sapone varia a seconda dell'olio usato, ma la qualità rimane sempre alta: scuro per l'olio di copra o di palma, verde pallido per quello di oliva (versione più indicata per l'igiene personale).

Sapone di Marsigia in pezzi

Cotto, lavato, tagliato e … marchiato

Qualche cifra curiosa ci avvicina al mondo del Marsiglia che impiega circa 1 mese – dal calderone al punto vendita – per ultimare il suo processo di fabbricazione. Anzi, più che fabbricato, questo sapone viene 'cucinato'. Fino a 20 tonnellate di ingredienti di base vengono infatti versati in enormi calderoni e fatti bollire per 10 giorni a una temperatura di 120° gradi, finché si ottiene un impasto liquido. Questo viene lavato, lasciato riposare per 2 giorni e ancora lavato: questo secondo lavaggio è molto importante perché fa diventare il sapone Extra Pur. A questo punto, viene fatto decantare in contenitori rettangolari e poi lasciato asciugare per circa 15 giorni prima di essere tagliato. Infine, ciascun sapone viene marchiato con lo stampo del suo pedigree, pronto a raggiungere il punto vendita.

No alla contraffazione

Autentico o no? C'è un modo per scoprirlo, per evitare le 'copie'. I cubes contraffatti non hanno la garanzia stampata sulla superficie, che consiste in: una scritta incisa Extra Pur 72% d'Huile; il peso netto in grammi; il nome del produttore e la dichiarazione secondo cui il prodotto è vero Savon de Marseille.
Saponette provenzali - Foto: redazione

Una visita in saponificio

Oggi in città restano due laboratori tradizionali: il Sérail (fondato nel 1949) e il Fer à Cheval. Quest'ultimo, fondato nel 1856, tutti i mercoledì alle 14:00 apre le porte dei suoi laboratori per chi desidera scoprire il vero sapone di Marsiglia e le sue fasi di fabbricazione. La visita guidata dura circa un'ora e, al termine, è possibile acquistare un bel cubo di vero e certificato sapone di Marsiglia!

Un sapone, tanti utilizzi...

Solitamente questo prodotto si associa all'idea di bucati perfetti a mano e in lavatrice. Ma non è utile solo a questo. Ecco qualche idea, testata negli anni.

È prezioso per l'igiene personale

Indicato per tutta la famiglia, ha una buona azione battericida ed è di aiuto anche per chi ha problemi di eczema o acne. Può essere utilizzato anche con un guanto da doccia ruvido per rimuovere le cellule morte della pelle (scrub).

Sapone di Marsiglia L'Amandine - Foto: redazione

Rende 'nuove' le scarpe

Volete buttare le scarpe da ginnastica maleodoranti e rovinate di vostro figlio? Provate prima a 'rianimarle' mettendole in ammollo per una notte in un secchio d'acqua con un cucchiaio da tavola di scaglie di sapone e uno di bicarbonato di sodio. Risciacqua poi abbondantemente e fai asciugare all'ombra.

Fa luccicare i gioielli

Collane, bracciali e anelli in oro e argento ritorneranno a splendere come nuovi dopo averli immersi in un litro d'acqua calda in cui avrete sciolto un cucchiaio di scaglie di sapone.

Profuma gli abiti e allontana le tarme

Una saponetta da 100 grammi posta all'interno di armadi e cassetti rilascerà la sua fragranza a lungo. Non solo: tarme e parassiti staranno alla larga!

Scoraggia gli afidi delle piante

Una soluzione preparata con 5-10 grammi di scaglie di sapone scolti in un litro d'acqua è utile da nebulizzare sulle piante. I parassiti non amano il sapone e, probabilmente, si allontaneranno da balconi e giardini. In più va ricordato che il Marsiglia, rispetto a molti prodotti chimici, è biodegradabile e non tossico.

È adatto anche per i cuccioli di casa

Quante volte avete provato a lavare il vostro cane con un detergente profumato e non avete fatto in tempo ad asciugarlo che è corso subito a ruzzolare in un prato? Certo, per lui essere profumato è insopportabile! Lavarlo col Marsiglia è la scelta migliore... anche per il suo olfatto.

…e una leggenda

In Provenza si tramanda da generazione in generazione la convinzione che, per tenere lontani crampi alle gambe e reumatismi, bisogna tenere sotto le coperte, in fondo al letto, una saponetta o delle scaglie di Marsiglia. Il calore del corpo fa rilasciare il sodio contenuto, che sembra avere proprio le proprietà utili per lenire questi disturbi. Sarà anche una leggenda ma vale la pena di provare!

Partecipa alla discussione