Stai leggendo

Insalata nizzarda: una ricetta, mille varianti

Insalata nizzarda: una ricetta, mille varianti

Un contorno fresco e veloce alla maniera della cucina di Nizza. Quali sono gli ingredienti giusti?

La salade niçoise, insalata tipica della città di Nizza, è una ricetta fresca e veloce; gli abitanti la presentano come pietanza (e non come contorno) per il suo ricco valore nutrizionale e la grande varietà degli ingredienti. Alcuni, pur attirandosi qualche critica, usano l’insalata nizzarda anche per preparare il pan bagnat, altra ricetta tipica di queste parti. Così come la meno poetica, ma altrettanto buona, merda dé can.

Quartiere che vai, insalata nizzarda che trovi

L’insalata nizzarda è nota per avere molte varianti e varia da quartiere a quartiere. I locali, nel  linguaggio familiare, la chiamano “fourre-tout abracadabrantesque”, un elemento che cambia sempre e può presentarsi in diverse forme.

Nizza, tra le vie della città vecchia

A Nizza dicono addirittura che il numero delle ricette è uguale al numero degli abitanti della città.

Prossimità uguale genuinità

Partiamo dal principio. Una cosa che mette tutti d’accordo è il criterio di scelta degli ingredienti, che sono sempre freschi, economici e a ‘chilometro 0’.

Devono essere prodotti genuini, adatti a un piatto estivo, ma soprattutto devono arrivare dalla Costa Azzurra: i nizzardi utilizzano verdure dell’area di Nizza e pesce del Mediterraneo. Perciò, se volete realizzare questa ricetta, state bene attenti a procurarvi gli ingredienti giusti!

Il dilemma degli ingredienti: promossi e bocciati

Gli abitanti della ‘capitale’ della Costa Azzurra considerano  alcuni prodotti essenziali per la ricetta: si tratta di uova, pomodori, cipollotti, olive di Nizza, basilico fresco e filetti di acciughe o di tonno.

Alcuni ingredienti per l'insalata nizzarda

Altri ingredienti ammessi (ma non da tutti) sono i peperoni, l'aglio, i cetrioli, le fave, i ravanelli, il sedano, la cipolla rossa, la lattuga o l’insalata mista e i carciofi.

Infine, ogni nizzardo che si rispetti evita i legumi (fave a parte) e le patate, tutte le categorie di pesce non proveniente dal Mediterraneo, e i condimenti come la maionese.

La ricetta della salade niçoise

Ecco, dunque, non LA, ma UNA ricetta dell'insalata nizzarda. Abbiano scelto una versione piuttosto ricca ma abbastanza fedele alla tradizione della città, anche se alcuni nizzardi potrebbero contestarla a favore della 'ricetta base' o della variante del proprio quartiere.

Ingredienti per 6 persone

  • 10 pomodori rotondi di medie dimensioni
  • 1 peperone verde
  • 6 piccoli carciofi viola
  • 200g di fave
  • 100g di olive di Nizza
  • 3 cipollotti
  • 1 spicchio d’aglio
  • 12 filetti di acciuga (o in alternativa 200g di filetti di tonno)
  • 6 foglie di basilico
  • 3 uova
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale e pepe

Preparazione

Per preparare questo piatto vi occorreranno circa 30 minuti: potete quindi tranquillamente iniziare a cucinare poco prima del pasto.

Pelate e tagliate i vostri pomodori in quattro, salateli così che possano privarsi dell’acqua e lasciateli da parte. Ricavate i cuori dei carciofi togliendo le foglie, tagliateli a fettine sottili e poi poneteli in una ciotola con acqua e limone, così da non farli ossidare. Dividete le bucce delle fave e i grani, per poi mettere da parte questi ultimi. Tagliate il peperone a rondelle, facendo attenzione a eliminare i semi. Fate cuocere le vostre uova per farne uova sode, sgusciatele e tagliatele in quattro o in otto, a seconda del vostro gusto personale. Affettate i cipollotti finemente.

Cipollotti da affettare per l'insalata nizzarda

A questo punto, prendete un grande piatto piano (un piatto, più di un’insalatiera , permette di mettere in bella mostra tutti i prodotti utilizzati). Strofinate mezzo spicchio di aglio sul fondo del piatto e posizionate i pomodori. Poi disponete i differenti ingredienti a vostro piacimento basandovi sui giochi di colore e i volumi.

Rifinite mettendo sopra i filetti di acciuga, il basilico e le olive. Condite il tutto con l’olio di oliva, salate, aggiungete una spolveratina lieve di pepe e… il gioco è fatto: non vi resta che servire e gustare la ricetta provenzale!

E voi? Qual è la vostra tecnica speciale per preparare questa ricetta? Quali ingredienti mettereste nell’insalata nizzarda? E quali invece evitereste del tutto?

Giorgia Salvia

Partecipa alla discussione