Stai leggendo

Un viaggio nell'arte o l'arte nel viaggio

Un viaggio nell'arte o l'arte nel viaggio

"Voyage Voyages", alla scoperta dei nuovi mondi artistici. Al Mucem, dal 22 gennaio al 4 maggio.

“Voyage Voyages”, una mostra e la sua colonna sonora

L’avessimo organizzata in Italia, l’avremmo forse intitolata “Sì, viaggiare”, come la hit di Lucio Battisti.

Invece, “Voyage Voyages”, al Mucem dal 22 gennaio al 4 maggio, si ispira liberamente alla quasi omonima canzone “Voyage, Voyage” di Jean-Michel Rivat, interpretata da Desireless nel 1986. La colonna sonora ideale per una mostra che si vuole scoperta dei nuovi mondi artistici da fine ‘800 ai giorni nostri.

Al Mucem il viaggio nell’arte: desiderio o necessità?

Desiderio di fuga, di riflessione o d’incontro, fascinazione per un luogo, ricerca di avventura o di sé, necessità, esilio…

Qualunque sia l'idea (o il punto) di partenza, il viaggio – nel caso del Mucem, in compagnia di Henri Matisse, Marcel Duchamp, Andy Warhol, Richard Baquié e molti altri – è sempre stato fonte di ispirazione, influenza e scambio per gli artisti. La mostra "Voyage Voyages" propone un viaggio attraverso i lavori degli artisti, i movimenti e le loro storie.

Artisti in viaggio, sulle orme di Paul Gauguin

Paul Gauguin è tra i primi a partire: spinto da un terribile bisogno di sconosciuto, si imbarca per Tahiti nel 1891. “Voyage Voyages” ci fa scoprire le ispirazioni che sulle sue orme tanti artisti – da Vassily Kandinsky a Camille Henrot, da Marcel Duchamp ad Andreas Gursky – hanno tratto dall’attrazione per l'ignoto, per un altrove che li porta a rinnovare il modo di percepire l'altro e di rappresentare il mondo.

La questione del viaggio, dell'esilio e dello spostamento è un tema ricorrente nel gesto artistico di oggi. La mostra ci invita a sentire la sua immensità creativa, che trova nel Mucem – per nascita e vocazione luogo icona del dialogo tra le culture – una sede naturale.

“Voyage Voyages”, il viaggio attraverso le opere

“Voyage Voyages” presenta un centinaio di opere (dipinti, sculture, installazioni, disegni, fotografie, video), realizzate da circa 80 artisti internazionali dalla fine del XIX secolo ai giorni nostri.

Le opere in esposizione provengono da collezioni pubbliche e private, in particolare dalle collezioni del Centre Pompidou-Musée national d'art moderne di Parigi e dalle collezioni moderne e contemporanee dei musei di Marsiglia.

I viaggi di Matisse, Kandinsky, Klee e Chiharu Shiota

In “Voyage Voyages” non mancano opere di grande interesse, alcune delle quali di particolare rilevanza secondo i commissari della mostra, Christine Poullain e Pierre-Nicolas Bounakoff.

I due arazzi Polinesia il cielo e Polinesia il mare che Henri Matisse realizzò 18 anni dopo il suo viaggio a Tahiti sono esposti a Marsiglia per la prima volta insieme. E insieme esprimono la libertà della pura fantasia e la felicità di vivere che l’artista ha sempre cercato di trasmettere.

I dipinti di Vassily Kandinsky (Arabische Stadt), Paul Klee (Kairouan davanti alla porta, Dünenlandschaft) e ancora Henri Matisse (La Baia di Tangeri) mostrano la grande ispirazione che il viaggio in Nord Africa ha portato a questi autori, arricchendo il loro vocabolario pittorico.

Notevole, infine, l'imponente e teatrale lavoro dell'artista giapponese Chiharu Shiota (Accumulation - Searching for the Destination), che abita un intero spazio del Mucem: un viaggio, questa volta interiore, che si esprime attraverso una rete di fili rossi intrecciati da cui pendono un centinaio di valigie 'animate' da un'onda tempestosa.

Un percorso fluido e senza tempo

Ciascuna delle opere esposte corrisponde a una vera e propria riflessione che, al di là dell’esigenza artistica e dell’intento personale del singolo, le accomuna sotto il segno del viaggio.

Da qui, la scelta dei commissari Poullain e Bounakoff di non seguire una cronologia prevedibile. Il percorso dell’esposizione del Mucem mescola opere di generazioni diverse che si scambiano le loro differenti percezioni del viaggio, proponendo al visitatore una passeggiata fluida e senza tempo.

Informazioni

Mucem
1 Espl. J4, 13002 Marsiglia 04 84 35 13 13 13 13
"Voyage voyages"
Aperto tutti i giorni tranne il martedì e il 1° maggio.
Dalle 11.00 alle 18.00 (dal 22 gennaio al 27 aprile 2020)
Dalle 11.00 alle 19.00 (dal 28 aprile al 4 maggio 2020)
Domenica aperto dalle 10.00
Biglietti Mucem
Mostre permanenti e temporanee 11€ / 7,5€ (valido per la giornata)
L'accesso alle mostre è gratuito per tutti la prima domenica di ogni mese.