Stai leggendo

Appuntamento a Marsiglia 300mila anni fa

Appuntamento a Marsiglia 300mila anni fa

Né fantascienza, né distopia. A giugno 2022 la grotta Cosquer sarà realtà per tutti.

La scoperta di Henri Cosquer

«Ci sono andato diverse volte, finché un giorno mi sono imbattuto nel disegno di una mano... /... all'inizio ho pensato che fossero dei tag / ma sulla parete sono apparse altre sei mani...», Henri Cosquer a France Bleu, settembre 2020

1985, la scoperta. Henri Cosquer, sommozzatore professionista, scopre l'ingresso di una galleria a 37 metri sott'acqua. Sopra c’è Cap Morgiou, uno sperone di roccia tra i calanchi di Marsiglia: il paradiso.

Cosquer risale lungo un tunnel subacqueo che – scoprirà – è lungo oltre 116 metri. La parete della galleria è limacciosa, basta sfiorarla che l’acqua s’intorbidisce.

È costretto a riprovarci più volte. Quando finalmente raggiunge una spiaggia all’interno di una grotta, si azzarda a liberarsi dell’attrezzatura. Ormai ha imparato la strada.

Nei club di immersione marsigliesi comincia a circolare la voce che sul lato del Cap Morgiou c'è una grotta con delle decorazioni. Altri sommozzatori cercano di raggiungerla. Il 1° settembre 1991 ne annegano tre.

Due giorni dopo, il 3 settembre, Henri Cosquer dichiara la sua scoperta alle autorità marittime. Il sito viene messo in sicurezza e vietato ai subacquei non accreditati dal Ministero della Cultura.

Grotta Cosquer, graffito rupestre © cd OMTCM

Chi era stato nella grotta prima di Henri Cosquer?

Trentamila anni prima della nostra era, a Cap Morgiou il livello del mare era 120 m più basso di oggi. L’ingresso della grotta era a 6 km dalla costa. Gruppi di Homo sapiens frequentavano il sito e lasciavano impronte di mani. Generazioni dopo, altri Sapiens disegnarono sulle stesse pareti cavalli, uri e cervi, ma anche animali marini, pesci, meduse, perfino pinguini.

Ecco cosa vide Cosquer: un bestiario di 200 figure di animali, poche rappresentazioni di figure umane – compresa una stesa a terra, con una testa di foca, come se fosse trafitta da una lancia –, simboli sessuali e impronte negative di mani rosse o nere – in parte striate, incise, raschiate – e ancora rettangoli, zigzag, punti... E poi oggetti, strumenti di selce, conchiglie marine, tracce di focolari sul terreno...

Grotta Cosquer, pinguini © jo OMTCM.jpg

Che ne sarà della grotta Cosquer?

«Per questo sito in Francia sappiamo che non potremo salvare molto. Ogni giorno perdiamo qualcosa, ed è per questo che scavare è diventata un'emergenza», Geneviève Pinçon, direttrice del Centro Nazionale di Preistoria

Quello scoperto da Henri Cosquer è un patrimonio archeologico unico che rischia di sparire. Il suo processo di distruzione è in corso da 10.000 anni: dalla fine dell'ultima era glaciale, le acque hanno inghiottito i 4/5 della grotta.

Il resto è minacciato dallo stesso fenomeno a causa del riscaldamento globale e gli effetti sono visibili: le gambe di un cavallo vicino all'acqua sono già scomparse, inghiottite dal mare. Senza contare che l’inquinamento – dalle microplastiche ai residui di carburante – non risparmia i Calanchi dove si trova la grotta, e che un canale di scolo costruito nel 1896 scarica qui le acque reflue di Marsiglia.

I rischi di crolli e frane dovuti all'attività sismica non sono meno reali. Che fare?

Grotta Cosquer, misurazioni © PERSPECTIVE(S)

La grotta Cosquer e il suo doppio

Studi e ricerche nella grotta sono partiti praticamente subito dopo la rivelazione di Henri Cosquer, e non si sono mai interrotti: la ricchezza e la diversità delle incisioni e delle pitture, insieme alla durata dell'occupazione del sito nel Paleolitico superiore, contribuiscono a fare di questo sito un luogo di interesse universale, la cui conservazione e studio sono improrogabili.

Ma la difficoltà di accesso e il continuo aumento del livello delle acque ha imposto un’ulteriore soluzione. Un salvataggio virtuale, con la restituzione della grotta sulla base della creazione di un modello 3D: un progetto su larga scala che tra pochi mesi permetterà al pubblico e agli scienziati di avere accesso a un patrimonio eccezionale minacciato di estinzione.

A giugno potremo entrare in quella che, un giorno, sarà l'unico testimone di questo patrimonio: la replica della grotta, ricreata con precisione millimetrica nella Villa Méditerranée di Marsiglia, proprio accanto al Mucem. Grazie allo sviluppo tecnologico, gli strumenti digitali disponibili hanno permesso di realizzare una ricostruzione scientificamente rigorosa e, nello stesso tempo, di offrire al grande pubblico l'accesso a un sito importante della storia dell'umanità.

Grotta Cosquer, piano e taglio © OMTCM_

Sogno o son desto? Un’esperienza straniante

Più di 30 anni dopo la scoperta di Henri Cosquer – dal quale nel frattempo la grotta ha preso il nome – potremo ripercorrere la sua esperienza. Attraverso un pontile galleggiante, ci affacceremo su un bacino dove sarà ormeggiata una barca come quella da cui Cosquer faceva le sue immersioni: il nostro percorso sull’acqua ci riporterà alla navigazione costiera lungo i calanchi per raggiungere la grotta sottomarina.

Prima di scendere in acqua, prenderemo familiarità con l'ambiente delle immersioni subacquee di Cassis. Com’era all’epoca della scoperta? Nel Diving Club in cui entreremo saranno in bella mostra scafandri degli anni '80 e '90, miscele di acque profonde e altre testimonianze dell'epoca.

Per riprenderci dallo stupore, ci rinfreschiamo a Le France, il bar frequentato da Cosquer e dagli altri subacquei locali: di nuovo, sembrerà di stare tornare indietro di 30 anni. Poi arriverà il momento: una strada acciottolata ci porterà dal villaggio al punto della nostra immersione.

Cassis, il porto

Viaggiare sott’acqua a 0,377 km/h!

Per "calarci" in profondità utilizzeremo una “gabbia di immersione”, Gli schermi, con le luci soffuse e una sfilata di pesci e altri esseri viventi, simuleranno la discesa e l'arrivo a 37 metri di sotto il livello del mare (in effetti, saremo al livello -2 dell'edificio di nella Villa Méditerranée, ma senza problemi di pressurizzazione): dalla stazione sottomarina – un universo metallico alla Ventimila leghe sotto i marici imbarcheremo sul nostro modulo di esplorazione, una piccola imbarcazione elettrica che, silenziosamente, ci trasporterà lungo il percorso in penombra. In 35 minuti percorreremo 220 metri a 0,377 km/h!

Con gli stessi angoli di visuale di un sommozzatore, avanzeremo nell'acqua, sfioreremo le stalagmiti, le stalattiti e le concrezioni. Le audioguide sincronizzate ci permetteranno di scoprire poco a poco le pareti decorate con i graffiti dello strano mondo animale di decine di migliaia di anni fa. La sensazione di essere nella “vera” grotta Cosquer, sarà impressionante.

Grotta Cosquer, stalattiti © cd OMTCM.jpg

Rivivere l'avventura di Henri Cosquer

Per completare la visita alla grotta, assisteremo a una proiezione nell'anfiteatro Jean Courtin situato al livello R-2. In otto minuti il film dell'avventura di Cosquer racconta, con particolari inediti, la storia della scoperta della grotta e delle ricerche che ne sono seguite.

Alla luce - e al mondo reale - risaliremo percorrendo una scala che arriva al 3º piano, dove sono distribuiti gli spazi del centro di interpretazione archeologica.

Grotte Cosquer
Villa Méditerranée
Promenade Robert Laffont
13002 Marseille

Marsiglia, Villa Mediterranée © OMTCM.jpg

Informazioni su Marsiglia e la grotta Cosquer

Informazioni dettagliate su Marsiglia si trovano sul sito ufficiale dell' Office Métropolitain de Tourisme et des Congrès de Marseille (in lingua italiana). Altre informazioni sono disponibili sul sito del Comité Régional de Tourisme Provence-Alpes-Côte d'Azur e sul sito Explore France.

Informazioni sulla grotta Cosquer e sulle visite si trovano sul sito ufficiale della Grotte Cosquer.

Grotta Cosquer, osservazione delle pareti © OMTCM